Rugby Championship 2016: Australia meglio dei Pumas

Australia batte Pumas nel Rugby Championship 2016Seconda vittoria dell’Australia in questo Rugby Championship 2016, Pumas battuti 36 a 20

Partire con un handicap di 21 a 0 dopo 12 minuti non è mai una cosa consigliata, però bisogna dare il giusto merito ad un’Australia che si è imposta con bonus sui Pumas e si è portata a casa così la seconda vittoria consecutiva nel Rugby Championship 2016; i Wallabies hanno meritato, palesando dei miglioramenti, soprattutto in difesa, mentre l’Argentina ha giocato bene solo a tratti.

Pronti via e gli Aussie sono già in meta con Kerevi; Foley mette una gran trasformazione dall’angolo e porta i suoi 7 a 0. Passano pochi minuti e i padroni di casa sono di nuovo in meta con Haylett-Petty ben imbeccato dal classico no-look all’interno di Quade Cooper; Foley mette anche la seconda trasformazione della serata per il 14 a 0.
Al 12esimo Genia mette sotto gran pressione Sanchez e gli fa perdere il pallone, lo stesso mediano di mischia si calcia avanti l’ovale, lo recupera e schiaccia in meta; Foley fa 3 su 3 e l’Australia si ritrova 21 a 0 dopo 12 minuti.
I Pumas si svegliano attorno al 15esimo, attaccano con foga, rinunciano a piazzare ma faticano a trovare la via della meta; i punti arrivano così solo dalla piazzola grazie a Sanchez che mette due calci al 22esimo e al 33esimo, in mezzo c’è anche il cartellino giallo a Sio.
L’inizio della ripresa è favorevole agli Argentini che vanno in meta con Cordero al termine di un’azione iniziata col ben buco di Tuculet; Sanchez trasforma il 21 a 13. Ma al 52esimo una prepotente carica di McMahon è l’incipit dell’azione della seconda meta di Genia; Foley è sfortunato in quanto la sua trasformazione si stampa sul palo.
Al 64esimo è il secondo no-look all’interno di Cooper che ispira la corsa di Hooper che finisce per schiacciare in mezzo ai pali; Foley, questa volta, trasforma e l’Australia vola sul 33 a 13.
I Pumas hanno un sussulto d’orgoglio al 72esimo e, grazie anche alla superiorità numerica per il giallo a Cooper, trovano la via della meta con Isa; Sanchez alimenta le speranze  dei suoi trasformando il 33 a 20, speranze che poi finiscono al cospetto del gran piazzato di Hodge che regala ai suoi il definitivo 36 a 20

Highlights del match Australia-Pumas

Marcature per Australia Mete: Kerevi, Haylett-Petty, Genia 2, Hooper Trasformazioni: Foley 4 Piazzato: Hodge
Cartellino giallo: Sio, Cooper

Marcature per Argentina Mete: Cordero, Isa Trasformazioni: Sanchez 2 Piazzati: Sanchez 2

Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Samu Kerevi, 12 Bernard Foley, 11 Reece Hodge, 10 Quade Cooper, 9 Will Genia, 8 David Pocock, 7 Michael Hooper, 6 Dean Mumm, 5 Adam Coleman, 4 Rob Simmons, 3 Sekope Kepu, 2 Stephen Moore (c), 1 Scott Sio
A disposizione: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 James Slipper, 18 Tom Robertson, 19 Rory Arnold, 20 Lopeti Timani, 21 Sean McMahon, 22 Nick Phipps, 23 Tevita Kuridrani

Argentina: 15 Joaquín Tuculet, 14 Santiago Cordero, 13 Matías Moroni, 12 Santiago González Iglesias, 11 Lucas González Amorosino, 10 Nicolás Sánchez, 9 Tomás Cubelli, 8 Facundo Isa, 7 Juan Manuel Leguizamon, 6 Pablo Matera, 5 Matías Alemanno, 4 Javier Ortega Desio, 3 Ramiro Herrera, 2 Agustín Creevy (c), 1 Nahuel Tetaz Chaparro
A disposizione: 16 Julian Montoya, 17 Lucas Noguera, 18 Enrique Pieretto, 19 Marcos Kremer, 20 Leonardo Senatore, 21 Martín Landajo, 22 Gabriel Ascarate, 23 Matías Orlando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.