Il mio XV della prima giornata del Sei Nazioni 2014

rbs 6 nazioniArchiviata con moderata soddisfazione la prima giornata del Sei Nazioni 2014, provo a nominare il mio personalissimo XV.

15 Brice Dulin: avrei detto Mike Brown, ma l’han spostato all’ala da subito, per cui vado con l’estremo francese perchè ha giocato bene in una partita molto combattuta e delicata.

14 Mike Brown: la scossa all’Inghilterra l’ha data lui con la sua meta, è una sicurezza in difesa e in attacco è sempre pericoloso.

13 Michele Campagnaro: Man of the Match a Cardiff contro i bi-campioni del Sei Nazioni e contro una formazione imbottita di Lions. Non c’è altro da aggiungere.

12 Jamie Roberts: purtroppo il suo buco nel finale del primo tempo ci ha fatto malissimo; è stato comunque uno dei pochi a salvarsi di un Galles comunque vincente contro di noi.

11 Yoann Huget: l’anno scorso non mi diceva niente, ma quest’anno è esploso ed è uno dei migliori trequarti ala in circolazione.

10 Jonathan Sexton: si è dato da fare nel primo tempo contro una grande difesa scozzese, nella ripresa ha preso un gran buco che ha minato le certezze degli avversari e poi dalla piazzola sbaglia poco.

9 Danny Care: se sta lontano dai pub è uno dei migliori 9 in circolazione, la meta di Brown è anche merito del suo intuito di giocare veloce un calcio di punizione.

8 Billy Vunipola: è veramente tanto grosso e quando penetra è difficile metterlo giù, è il ball carrier che vorresti sempre avere nella tua squadra.

7 Chris Henry: gran partita la sua, forse non è il più appariscente in campo però quanto ad efficacia ce ne sono pochi come lui.

6 Tom Wood: impressionante il suo working rate, sempre presente, sia in attacco che in difesa.

5 Courtney Lawes: giocatore ritrovato, in touch è un osso duro scavalcarlo e in giro per il campo gioca veramente di fisico.

4 Pascal Papé: se lo merita perchè è stato il capitano di una Francia finalmente vincente e il suo contributo l’ha dato e come, soprattutto in difesa.

3 Nicolas Mas: in chiusa, per gli altri piloni, è come scontrarsi con un blocco di cemento. Impressionante

2 Richard Hibbard: uno dei pochi, con Roberts, a salvarsi in un Galles che ha rischiato veramente grosso con noi.

1 Cian Healy: nella categoria piloni per tutte le stagioni lui è uno dei primi: solido in chiusa, performante in attacco, sicuro in difesa. Che altro

One thought on “Il mio XV della prima giornata del Sei Nazioni 2014”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.