Test match 2018: l’Italia doveva vincere con la Georgia e così è stato

A Firenze, nel test match contro la Georgia, l’Italia aveva un unico risultato: vincere

L’Italia era condannata a vincere nel test match 2018 contro la Georgia, per 1000 motivi; alla fine Ghirladini e compagni hanno centrato l’obiettivo e hanno vinto 28 a 17.

Partiamo bene e alla prima sortita nei 22 georgiani portiamo a casa 3 punti con il piazzato di Allan; poi però ci dimentichiamo di difendere, come troppo spesso ci accade, e subiamo la meta di Mtchedlidze sull’evidente liscio di Campagnaro.
Lo stesso Campagnaro, però, si riscatta poco dopo riuscendo a segnare la meta del contro sorpasso, Allan ci aggiunge la trasformazione del 10 a 7. Al 28esimo minuto i nostri avversari rimangono in 14 per il cartellino giallo a Tsutskiridze e Allan ci porta 13 a 7 col conseguente piazzato. Al 34esimo Castello si mangia una meta incredibile (e non sarà l’unica) ma nel finale riusciamo a segnare la meta con Bellini in bandierina che ci manda al riposo avanti 18 a 7.
La ripresa la cominciamo bene con la meta di Ferrari, Allan non ne mette più uno di calcio ma noi siamo comunque avanti 23 a 7 e al 57esimo ci portiamo addirittura 28 a 10 con la meta di Allan.
A questo punto tiriamo i remi in barca e ci esponiamo alle sortite dei nostri rinvigoriti avversari che culminano con una meta tecnica subita e un cartellino giallo a Benvenuti. Nell’ultimo quarto d’ora però non concediamo punti e ci portiamo a casa questo match sanza infamia e sanza lode.

Marcature per Italia: Mete: Camapagnaro, Bellini, Ferrari, Allan Trasformazione: Allan Piazzati: Allan 2
Cartellino giallo: Benvenuti

Marcature per Georgia: Mete: Mtchedlidze, Penalty try Trasformazione: Matiashvili Piazzato: Matiashvili
Cartellino giallo: Tsutskiridze

Italia: 15 Luca Sperandio, 14 Tommaso Benvenuti, 13 Michele Campagnaro, 12 Tommaso Castello, 11 Mattia Bellini, 10 Tommaso Allan, 9 Tito Tebaldi, 8 Abraham Jurgens Steyn, 7 Jake Polledri, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 Alessandro Zanni, 3 Simone Ferrari, 2 Leonardo Ghiraldini (c), 1 Andrea Lovotti
A disposizione: 16 Luca Bigi, 17 Cherif Traorè, 18 Tiziano Pasquali, 19 Marco Fuser, 20 Johan Meyer, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Carlo Canna, 23 Luca Morisi

Georgia: 15 Soso Matiashvili, 14 Giorgi Koshadze, 13 Merab Sharikadze (c), 12 Tamaz Mtchedlidze, 11 Zurab Dzneladze, 10 Lasha Khmaladze, 9 Vasil Lobzhanidze, 8 Beka Gorgadze, 7 Giorgi Tsutskiridze, 6 Otar Giorgadze, 5 Lasha Lomidze, 4 Nodar Tcheishvili, 3 Dudu Kubriashvili, 2 Jaba Bregvadze, 1 Mikheil Nariashvili
A disposizione: 16 Shalva Mamukashvili, 17 Zurab Zhvania, 18 Levan Chilachava, 19 Shalva Sutiashvili, 20 Beka Bitsadze, 21 Gela Aprasidze, 22 Lasha Malaghuradze, 23 Giorgi Kveseladze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.