Rugby Championship 2018: All Blacks troppo forti per i Pumas

A Nelson gli All Blacks battono i Pumas 46 a 24 e restano imbattuti nel Rugby Championship 2018

Niente da fare per i combattivi Pumas, gli All Blacks, nonostante i tanti errori del primo tempo, restano di un altro pianeta e a Nelson segnano sei mete e proseguono imbattuti nel Rugby Championship 2018.

Henson dà fiducia per la prima volta a Mo’unga all’apertura e il 10 dei Crusaders apre le marcature al quinto minuto col piazzato del 3 a 0. Al 15esimo Ramiro Mojano semina il panico nella difesa neozelandese e segna una bellissima meta; Sanchez, dopo un primo tentativo dalla piazzola non andato a buon fine, mette una bella trasformazione per il 7 a 3 Pumas.
Il vantaggio dura pochissimo e, neanche tre minuti più tardi, una buona combinazione All Blacks culmina con la meta di Milner-Skudder, Mo’unga trasforma il 10 a 7.
Alla mezzora, dopo 10 fasi avanzanti, è la volta di Perenara di segnare la meta; Mo’unga manca la trasformazione ma mette il piazzato che manda i suoi al riposo avanti 18 a 7.
I Pumas cominciano la ripresa con l’acceleratore pigiato e, dopo neanche due minuti segnano la meta con Sanchez che permette loro di tornare sotto break 18-14. Anche in questo caso i padroni di casa ci mettono un amen a rimettersi in carreggiata: il buco di Ben Smith ispira l’azione di Goodhue che libera Read per la meta; Mo’ounga trasforma il 25 a 14.
Al 58esimo è la volta di Lienert-Brown ad aprire la difesa, il sostegno di Perenara è puntuale e la meta in mezzo ai pali è cosa fatta, 32 a 14.
A ridosso degli ultimi 10 minuti c’è un sussulto Pumas che riescono a mandare in meta Boffelli ma la pratica neozelandese è definitivamente chiusa dalle mete di Frizzell e Goodhue – particolarmente bella quest’ultima

Riepilogo All Blacks-Pumas, terza giornata Rugby Championship 2018

Marcature per All Blacks: Mete: Milner-Skudder, Perenara 2, Read, Frizell, Goodhue Trasformazioni: Mo’unga 5 Piazzati: Mo’unga 2
Marcature per Argentina: Mete: Moyano, Sanchez, Boffelli Trasformazioni: Sanchez 3 Piazzato: Sanchez

All Blacks: 15 Ben Smith, 14 Nehe Milner-Skudder, 13 Jack Goodhue, 12 Ngani Laumape, 11 Waisake Naholo, 10 Richie Mo’unga, 9 TJ Perenara, 8 Kieran Read (c), 7 Ardie Savea, 6 Shannon Frizell, 5 Scott Barrett, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Codie Taylor, 1 Karl Tu’inukuafe
A disposizione: 16 Nathan Harris, 17 Tim Perry, 18 Ofa Tuungafasi, 19 Samuel Whitelock, 20 Luke Whitelock, 21 Te Toiroa Tahuriorangi, 22 Damian McKenzie, 23 Anton Lienert-Brown

Argentina: 15 Emiliano Boffelli, 14 Bautista Delguy, 13 Matias Moroni, 12 Jeronimo de la Fuente, 11 Ramiro Moyano, 10 Nicolas Sanchez, 9 Martin Landajo, 8 Javier Ortega Desio, 7 Marcos Kremer, 6 Tomas Lezana, 5 Tomas Lavanini, 4 Guido Petti, 3 Nahuel Chaparro Tetaz, 2 Agustin Creevy (c), 1 Santiago Garcia Botta
A disposizione: 16 Julian Montoya, 17 Juan Pablo Zeiss, 18 Gaston Cortez, 19 Matias Alemanno, 20 Pablo Matera, 21 Tomas Cubelli, 22 Bautista Ezcurra, 23 Juan Cruz Mallia

Highlights All Blacks-Argentina, Rugby Championship 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.