Oggi, comunque vada, non sarà un successo

jacques brunelSi chiude oggi il Sei Nazioni 2016, ci aspetta una difficile partita col Galles a Cardiff

Tra qualche ora si alzerà il sipario sull’ultima giornata del Sei Nazioni 2016; per l’ultimo verdetto bisognerà aspettare le 21:00, ora in cui si sfideranno Francia e Inghilterra. Gli Inglesi hanno già conquistato il titolo ma, se supereranno i Transalpini, vinceranno il Grande Slam.

Alle 18:00 Irlanda e Scozia proveranno a dare continuità alle belle prestazioni della settimana scorsa; è un match che conta poco ma ci servirà per capire lo stato di forma degli Irish e le ambizioni della Scozia.

La giornata, però, la inauguriamo noi: al Principality Stadium ci aspetta il Galles; non sarà una partita facile, il torneo per noi è stato un crescendo di brutte prestazioni. E dire che l’avevamo cominciato bene, sfiorando la vittoria a Parigi e tenendo per quasi un’ora contro l’Inghilterra; poi, però, la sconfitta con la Scozia e la debacle di Dublino hanno amplificato i malumori e fatto esplodere la caccia alle streghe.
Che ci sia qualcosa che non va è pacifico, alcune dichiarazioni del presidente federale hanno del patetico, non si riescono a sentire, non riesco a capire perché ci si ostina a dire che va tutto bene quando basterebbe avere un po’ di umiltà e fare un semplice passo indietro. Ma questa è l’Italia: ci basta uscire con dichiarazioni altisonanti e, soprattutto, ci basta individuare il capo espiatorio.

La cosa che mi lascia più basito è la miopia della gente che si accanisce e che ha individuato come responsabile unico dell’ennesima stagione fallimentare Jacques Brunel.
Questo è un uomo che allenando Colomiers è arrivato una volta ai quarti di finale e una volta in semifinale del Campionato Francese, ha vinto una Challenge Cup ed è arrivato in finale di Heineken Cup; poi è passato a Pau e li ha portati in semifinale del campionato e in finale di Challenge cup. Nel 2001 è diventato assistente di Laporte nella nazionale francese che vincerà due Sei Nazioni col Grande slam (2002 e 2004) e giungerà due volte quarta nei mondiali del 2003 e 2007. Finita la parentesi della nazionale è giunto a Perpignan dove gli è riuscito il back to back nel Top 14.

Dal 2007 è l’allenatore dell’Italia e progressivamente è diventato un incapace, uno che fa le cose a caso, uno che finalmente se ne va.
Va beh, con oggi finisce il suo mandato, gli resta da fungere da parafulmine per un ultimo match.

Bonne chance Jacques

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *