Sei Nazioni 2016: la Scozia combatte ma vince il Galles

sei nazioni 2016, galles-scoziaUn’ottima Scozia combatte a Cardiff ma alla vince il Galles resta imbattuto nel Sei Nazioni 2016

La Scozia si è presentata a Cardiff senza paura e per 60 minuti ha fatto paura al Galles, poi l’uno due di Roberts e North regala la vittoria ai Dragoni e permette loro di restare in corsa per la vittoria del Sei Nazioni 2016.

Il Galles parte forte: up-and-under di Biggar con Davies che parte forse davanti, rimpallo che fa finire l’ovale a Gareth Davies che accelera fino in meta; Biggar trasforma e al minuto 8 siamo 7 a 0.
La Scozia però rientra in partita cinque minuti più tardi segnando la meta con Seymour al termine di 21 fasi di possesso e avanzamento culminate col millimetrico chip di Russell per il compagno; Laidlaw trasforma ed è pareggio.
È una partita che si fa apprezzare, si battaglia senza che uno o l’altro prendano la supremazia; così capita che si segni solo dalla piazzola: Biggar lo fa in un’occasione mentre Laidlaw in due e così la Scozia chiude avanti il primo tempo 13 a 10.
Il Galles pareggia al 46esimo grazie ad un piazzato di Biggar, giunto alla fine di una fiammata offensiva dei suoi; la Scozia, però non si scompone e in mischia ordinata mette in difficoltà sovente gli avversari, da una di queste nasce il calcio di punizione che Laidlaw sfrutta per riportare avanti i suoi.
Al 58esimo, da un sanguinoso pallone perso da Hardie in attacco, nasce la gran corsa di James lungo la touch, l’ala gallese viene rimontata e placcata da un immenso Duncan Taylor ma i Dragoni rimangono in attacco e quattro minuti più tardi, da una buona piattaforma in mischia ordinata, Jamie Roberts entra come un trattore e schiacci min meta; la trasformazione di Biggar è facile e il Galles va avanti 20 a 16.
Si entra nei 10 minuti conclusivi del match con la Scozia che viene presa d’infilata da una corsa in prima fase di George North che incrocia semplicemente con Biggar e va a schiacciare in meta; arriva anche la trasformazione di Biggar e il vantaggio si dilata sul 27 a 16.
Sembra finita ma un sussulto d’orgoglio scozzese regala emozioni nel finale: Duncan Taylor prende un gran buco si libera dell’ultimo avversario e schiaccia in meta; Weir trasforma e sigilla il risultato finale di 27 a 23.

Marcature per Gallesmete: Gareth Davies, Roberts, North Trasformazioni: Biggar 3 Piazzati: Biggar 2
Marcature per ScoziaMete: Seymour, Taylor Trasformazioni: Laidlaw, Weir Piazzati: Laidlaw 3

Galles: 15 Liam Williams, 14 George North, 13 Jonathan Davies, 12 Jamie Roberts, 11 Tom James, 10 Dan Biggar, 9 Gareth Davies, 8 Taulupe Faletau, 7 Justin Tipuric, 6 Sam Warburton (c), 5 Alun Wyn Jones, 4 Luke Charteris, 3 Samson Lee, 2 Scott Baldwin, 1 Rob Evans
A disposizione: 16 Ken Owens, 17 Gethin Jenkins, 18 Tomas Francis, 19 Bradley Davies, 20 Dan Lydiate, 21 Lloyd Williams, 22 Rhys Priestland, 23 Gareth Anscombe

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Sean Maitland, 13 Mark Bennett, 12 Duncan Taylor, 11 Tommy Seymour, 10 Finn Russell, 9 Greig Laidlaw (c), 8 David Denton, 7 John Hardie, 6 John Barclay, 5 Jonny Gray, 4 Richie Gray, 3 Willem Nel, 2 Ross Ford, 1 Alasdair Dickinson.
A disposizione: 16 Stuart McInally, 17 Gordon Reid, 18 Zander Fagerson, 19 Tim Swinson, 20 Blair Cowan, 21 Sam Hidalgo-Clyne, 22 Duncan Weir, 23 Sean Lamont

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.