Sei Nazioni 2016: male l’Italia contro la Scozia

La Scozia batte l'Italia nel Sei Nazioni 2016L’Italia perde la terza partita del Sei Nazioni 2016, all’Olimpico passa la Scozia 36 a 20

La Scozia batte l’Italia all’Olimpico e ci condanna alla terza sconfitta in questo Sei Nazioni 2016; purtroppo abbiamo giocato una brutta partita, sovente in difficoltà in mischia chiusa e poco convinta in difesa.

Siamo i primi a muovere il punteggio col piazzato di Haimona al minuto 8 ma poi seguono 20 minuti di notte fonda. Al decimo paghiamo una difesa poco convinta con la meta di Barclay propiziata dalla corsa e dal riciclo di Hogg, Laidlaw la trasforma anche; al 17esimo la nostra pigra difesa fa sembrare la Scozia gli All Blacks: Russell ci buca come il burro e alla fine segna Hardie in bandierina; Laidlaw mette una difficile trasformazione e loro volano sul 14 a 3. L’Italia ha poco possesso e per di più diamo via calci e al 26esimo Laidlaw ci punisce ancora, questa volta da calcio di punizione.
Al 30esimo, alla prima buona azione andiamo in meta: Campagnaro buca da far suo e ci mette sul piede avanzante, l’azione prosegue, Garcia fa da sponda per Odiete che libera Ghiraldini per la meta; Haimona trasforma e ci porta a distanza di break sul 10 a 17.
L’ultima emozione del primo tempo è un tentativo sbagliato di calcio di Laidlaw.
Cominciamo il secondo tempo confermando le difficoltà in mischia chiusa dove un grande Dickinson darà semplice filo da torcere ai nostri piloni destri; Laidlaw sfrutta un calcio piazzabile e porta la Scozia avanti 20 a 10; noi rispondiamo poco dopo con un buon multifase che ci fa arrivare a un metro dalla meta, ne usciamo con un calcio che Haimona mette tra i pali.
Ladilaw però dalla piazzola è infallibile e tra il 54esimo e il 59esimo mette due calci importanti per il 26 a 13; arriva però un cartellino giallo a Russell e nell’azione seguente, dai e dai, riusciamo a varcare la linea di meta con Fuser; Haimona trasforma e ci riporta sotto break sul 20 a 26.
Purtroppo continuiamo a regalare calci piazzabili e Laidlaw continua a metterli dentro e loro al 65esimo tornano di nuovo a +9.
Nel finale andiamo vicinissimi alla meta con Gori, proviamo anche a giocare un calcio sotto i pali ma non facciamo punti, chi li fa invece sono i nostri avversari che, nonostante il cartellino giallo a Nell, sfruttano ancora una nostra difesa poco convinta e attendista per punirci con la meta di Seymour; Laidlaw trasforma e fissa il risultato finale sul 36 a 20.

Greig Laidlaw è Man of the Match

Marcature per Scozia: Mete: Barclay, Hardie, Seymour Trasformazioni: Laidlaw 3 Piazzati: Laidlaw 5
Marcature per Italia: Meta: Ghirladini, Fuser Trasformazione: Haimona 2 Piazzato: Haimona 2

Italia: 15 David Odiete, 14 Leonardo Sarto, 13 Michele Campagnaro, 12 Gonzalo Garcia, 11 Mattia Bellini, 10 Kelly Haimona, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse (c), 7 Alessandro Zanni, 6 Francesco Minto, 5 Joshua Furno, 4 Marco Fuser, 3 Lorenzo Cittadini, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Andrea Lovotti
A disposizione: 16 Davide Giazzon, 17 Matteo Zanusso, 18 Martin Castrogiovanni, 19 Valerio Bernabo, 20 Andries Van Schalkwyk, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Edoardo Padovani, 23 Andrea Pratichetti

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Tommy Seymour, 13 Mark Bennett, 12 Duncan Taylor, 11 Tim Visser, 10 Finn Russell, 9 Greig Laidlaw (c), 8 Ryan Wilson, 7 John Hardie, 6 John Barclay, 5 Jonny Gray, 4 Richie Gray, 3 Willem Nel, 2 Ross Ford, 1 Alasdair Dickinson
A disposizione: 16 Stuart McInally, 17 Rory Sutherland, 18 Moray Low, 19 Tim Swinson, 20 Strauss, 21 Sam Hidalgo-Clyne, 22 Peter Horne, 23 Sean Lamont

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.