RWC 2015: l’Inghilterra chiude la sua Rugby World Cup 2015

Dell’incontro di Manchester si ricorderà più la grinta dell’Uruguay che i 60 punti dell’Inghilterra

Ancora una volta, nonostante i tanti punti presi, l’Uruguay palesa un carattere e una grinta invidiabile e impegna, e non poco, l’Inghilterra che saluta la Rugby World Cup 2015.

Pronti via e l’Uruguay passa in vantaggio col piazzato di Berchesi ma alla prima sventagliata fatta bene gli Inglesi vanno in meta con Watson ben lanciato dal calcetto di Nowell; Farrell trasforma il 7 a 3.
Dal decimo al 13esimo l’Uruguay si esalta in difesa e son tre minuti di placcaggi che arginano le cariche inglesi; al 18esimo, però, nulla possono al cospetto della maul avanzante chiusa in meta da Easter, Farrell trasforma il 14 a 3.
Al 23esimo gli Inglesi sono ancora in meta e ancora con Easter, tutto parte sempre e comunque da una maul avanzante, l’azione poi viene finita con le percussioni di fisico; Farrell non sbaglia la terza conversione e porta i suoi sul 21 a 3.
Al 30esimo altra esaltazione della difesa dell’Uruguay: l’Inghilterra imbastisce 19 fasi ma non porta a casa punti e, anzi, si fa addirittura rubar palla. Il primo tempo termina con il cartellino giallo a Villaseca ma è ancora l’Uruguay a rubare l’ennesimo pallone in difesa.
Il secondo tempo si apre con la facile meta di Watson, dopo una bella giocata dei trequarti; gli Inglesi però non brillano, Robshow e Haskell commettono un’infinità di avanti, le azioni sfumano e il tempo passa.
Al 54esimo l’Uruguay recupera l’ennesimo pallone ma Ormaechea si fa stoppare un calcetto da Slade che è bravo a controllare l’ovale di piede fino in meta.
L’1-2 inglese si concretizza al 57esimo con la meta di Nowell ben lanciata da Care; Farrell trasforma il 38 a 3.
Al 60esimo arriva l’hattrick di Easter grazie alla solita maul avanzante chiusa dal numero 8; gli Inglesi attaccano di brutto, l’Uruguay prova a resistere ma nulla possono sul bel passaggio di Ford al largo che trova libero Nowell per la meta.
Nel finale un bel buco di Joseph è il preludio per la terza meta di Nowell, liberato da Slade; l’ultima emozione è una meta tecnica assegnata dall’arbitro per un fallo di disperazione di un giocatore dell’Uruguay, Ford trasforma il definitivo 60 a 3.

Marcature per Inghilterra:
Mete: Watson 2, Easter 3, Slade, Nowell 3, Penalty try
Trasformazioni: Farrell 4, Ford

Marcature per Uruguay:
Piazzato: Berchesi
Cartellino giallo: Vilaseca (slowing down ball – 40 mins)

Inghilterra: 15 Alex Goode, 14 Anthony Watson, 13 Henry Slade, 12 Owen Farrell, 11 Jack Nowell, 10 George Ford, 9 Danny Care, 8 Nick Easter, 7 Chris Robshaw (c), 6 James Haskell, 5 Geoff Parling, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Tom Youngs, 1 Mako Vunipola.
A disposizione: 16 Jamie George, 17 Joe Marler, 18 David Wilson, 19 George Kruis, 20 Tom Wood, 21 Richard Wigglesworth, 22 Jonathan Joseph, 23 Mike Brown.

Uruguay: 15 Gaston Mieres, 14 Santiago Gibernau, 13 Joaquin Prada, 12 Andres Vilaseca, 11 Rodrigo Silva, 10 Felipe Berchesi, 9 Agustín Ormaechea, 8 Alejandro Nieto, 7 Matias Beer, 6 Juan Manuel Gaminara, 5 Jorge Zerbino, 4 Santiago Vilaseca (c), 3 Mario Sagario, 2 Carlos Arboleya, 1 Mateo Sanguinetti.
A disposizione: 16 Nicolas Klappenbach, 17 Oscar Duran, 18 Alejo Corral, 19 Mathias Palomeque, 20 Diego Magnol, 21 Agustín Alonso, 22 Alejo Durán, 23 Manuel Blengio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.