RWC 2015: la Scozia ridimensiona il Giappone

Buon esordio della Scozia nella Rugby World Cup 2015: battuto il Giappone 45 a 10

Gloucester la Scozia gioca un buon match, soprattutto nel secondo tempo, e ha la meglio del Giappone; gli uomini di Cotter segnano 5 mete e si portano a casa un vitale punto di bonus.

La Scozia parte bene e fa punti grazie a  due piazzati di Laidlaw, al minuto 3 e al minuto 12; il Giappone, lo si sa, non è squadra che si arrende e al 15esimo va in meta: Goromaru trova una grande touch da calcio di punizione, la maul avanzante successiva è chiusa da Mafi che schiaccia in meta; Goromaru mette la trasformazione del sorpasso.
Laidlaw riporta avanti i suoi con un piazzato al 18esimo e incrementa il vantaggio, sempre dalla piazzola, dopo che i suoi compagni hanno conquistato un buon calcio da mischia ordinata..
Al 23esimo l’ennesimo fallo in difesa costa a Matsushima il cartellino giallo, stavolta Laidlaw non è preciso e grazia il Giappone; non è preciso neanche Goromaru che al 29esimo sbaglia un calcio che la mischia si era conquistato.
Al 35esimo i Nipponici vanno vicinissimi alla meta ma la Scozia si salva con la difesa e si salva anche il Giappone, nell’ultima azione del primo tempo, grazie ad un superbo placcaggio di Goromaru che ferma Seymour lanciato in meta.
Il secondo tempo inizia con due imponenti corse di Mafi – che sarà poi costretto ad uscire – che sortiscono l’effetto di portare i suoi all’interno dei 22 della Scozia, da una di queste azioni nasce il calcio che Goromaru sfrutta per portare i suoi sotto di soli due punti.
La Scozia però riprende a giocare bene in attacco e, al termine di una bella azione, arriva la meta in bandierina di Hardie; il Giappone non molla e al 52esimo Goromaru avrebbe un’altra occasione per portare sotto i suoi ma il suo calcio non è preciso.
Al 56esimo, da un raggruppamento, Laidlaw si inventa un bel inside pass per Bennett che vola in meta; Laidlaw mette la trasformazione del 24 a 10.
Il Giappone ci prova a riaprire il match e si porta in attacco ma al 64esimo arriva l’intercetto di Seymour, che corre per 80 metri e schiaccia in meta; Laidlaw mette la trasformazione e il punteggio lievita sul 31 a 10.
Negli ultimi 10 minuti sale in cattedra Russelle che prima ispira la seconda meta del pomeriggio di Bennett e poi si mette in proprio e segna la meta in mezza ai pali; Laidlaw le trasforma entrambe e firma il definitivo 45 a 10.

Marcature per Giappone:
Meta: Mafi
Trasformazione: Goromaru
Piazzato: Goromaru
Yellow Card: Matsushima

Marcature per Scozia:
Mete: Hardie, Bennett 2, Seymour, Russell
Trasformazioni: Laidlaw 3
Piazzati: Laidlaw 4

Giappone: 15 Ayumu Goromaru, 14 Kotaro Matsushima, 13 Male Sau, 12 Yu Tamura, 11 Kenki Fukuoka, 10 Harumichi Tatekawa, 9 Fumiaki Tanaka, 8 Amanaki Mafi, 7 Michael Broadhurst, 6 Michael Leitch (c), 5 Justin Ives, 4 Luke Thompson, 3 Hiroshi Yamashita, 2 Shota Horie, 1 Keita Inagaki
A disposizione: 16 Takeshi Kazu, 17 Masataka Mikami, 18 Kensuke Hatakeyama, 19 Shinya Makabe, 20 Shoji Ito, 21 Hendrik Tui, 22 Atsushi Hiwasa, 23 Karne Hesketh

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Tommy Seymour, 13 Mark Bennett, 12 Matt Scott, 11 Sean Lamont, 10 Finn Russell, 9 Greig Laidlaw, 8 David Denton, 7 John Hardie, 6 Ryan Wilson, 5 Jonny Gray, 4 Grant Gilchrist, 3 WP Nel, 2 Ross Ford, 1 Alasdair Dickinson
A disposizione: 16 Fraser Brown, 17 Ryan Grant, 18 Jon Welsh, 19 Richie Gray, 20 Josh Strauss, 21 Henry Pyrgos, 22 Peter Horne, 23 Sean Maitland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.