Nessun problema per l’Irlanda contro Samoa

Il prematch di Irlanda-Samoa è abbastanza toccante: Brian Lima, indimenticato trequarti degli isolani, guida la Siva Tau in ricordo dello scomparso Fatialofa. Sono però gli Irlandesi a giocare un buon match e ad aggiudicarselo col pesante punteggio di 40 a 9.
I Samoani iniziano bene con tanto possesso il primo quarto d’ora ma il punteggio non si sblocca, fatta eccezione per un calcio per parte di Pisi e Jackson; i Verdi attorno al 20esimo mettono in luce le difficoltà degli avversari in chiusa, amplificate dalla perdita ad inizio partita di Mulipola, e guadagnano il calcio di punizione che Jackson sfrutta per dare il 6 a 3 ai suoi.
Al 25esimo c’è il primo acuto degli Irlandesi: Peter O’Mahony – gran match il suo – segna la meta dopo aver pilotato una inarrestabile cassaforte stile “Munster” e l’Irlanda va 11 a 3.
Al 31esimo sono ancora gli Irish in attacco coi trequarti ma la difesa è insuperabile e guadagna un calcio che Pisi sfrutta al meglio per accorciare le distanze; l’apertura samoana potrebbe ridurre ulteriormente lo svantaggio ma centra un incredibile palo al 34esimo.
L’ultima emozione del primo tempo è una bella volata di Kearney che ispira un’azione alla mano dalla chiusa ma McFadden viene fermato a un metro dalla meta; si torna indietro al placcaggio pericoloso che costa a George Pisi il cartellino giallo e che Jackson sfrutta per fissare il risultato del primo tempo sul 14 a 6.
La ripresa si apre con la meta di Sean O’Brein al termine di una palla recuperata dei padroni di casa, azione che poi è impreziosita dal passaggio sotto le game di BOD, Jackson aggiunge la trasformazione e il punteggio lievita sul 21 a 6.
Al 51esimo Samoa perde anche Tusi Pisi che rimane molto scosso dopo lo scontro col fratello George anch’esso costretto ad uscire.
Gli Isolani non mollano e impensieriscono anche la difesa degli avversari ma guadagnano solo un calcio di punizione che Fotuali’i converte in 3 punti.
Due minuti più tardi arriva la meta di Dave Kearney al termine di una buona sventagliata e il discorso è di fatto chiuso, Jackson trasforma e il punteggio è 28 a 9.
Negli ultimi dieci minuti arrivano due ulteriori segnature, la prima ispirata dal talento di Darcy che fissa due avversari e libera McFadden e la seconda da un contropiede finalizzato ancora da Dave Kearney che bagna così l’esordio con una doppietta; il finale è 40 a 9.

A Dublino non c’è stata storia: Samoa ci ha anche provato ma l’organizzazione e il talento irlandese hanno avuto decisamente la meglio.

Marcature per Irlanda: Mete: O’Mahony, O’Brien, D Kearney 2, McFadden Trasformazioni: Jackson 3 Piazzati: Jackson 3
Marcature per Samoa: Pens: T Pisi 2, Fotuali’i

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Tommy Bowe, 13 Brian O’Driscoll, 12 Gordon D’Arcy, 11 Fergus McFadden, 10 Paddy Jackson, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip (c), 7 Chris Henry, 6 Peter O’Mahony, 5 Devin Toner, 4 Mike McCarthy, 3 Mike Ross, 2 Rory Best, 1 Jack McGrath.
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Cian Healy, 18 Declan Fitzpatrick, 19 Paul O’Connell, 20 Sean O’Brien, 21 Eoin Reddan, 22 Ian Madigan, 23 Dave Kearney.

Samoa: 15 Faatoina Autagavaia, 14 Alapati Leuia, 13 George Pisi, 12 Johnny Leota, 11 Brando Vaaulu, 10 Tusi Pisi, 9 Kahn Fotuali’i, 8 Taiasina Tuifua, 7 Jack Lam, 6 Ofisa Treviranus, 5 Teofilo Paulo, 4 Faatiga Lemalu, 3 Logovi’i Mulipola, 2 Ole Avei, 1 Sakaria Taulafo.
A disposizione: 16 Ti’i Paulo, 17 Viliamu Afatia, 18 James Johnston, 19 Joe Tekori, 20 Alafoti Faosilivia, 21 Jeremy Sua, 22 Isaia Tuifua, 23 Fautua Otto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.