Don Andrea Gallo e Loris Mazzetti – Son venuto per servire

In questo libro-intervista di Loris Mazzetti ho potuto scoprire una grande persona, un prete di quelli che ce ne sono pochi, di quelli che sono dalla parte degli oppressi, dei vinti, degli emarginati da un società che fa dell’indifferenza un valore.
Le posizioni di don Andrea lo hanno sempre messo in cattiva luce nei confronti dei potenti di quella chiesa che lui si sente veramente poco di rappresentare, di quella chiesa che non ripudia la guerra, che predica la povertà ostentando sfarzo e riciclando denaro nelle proprie banche, di quella chiesa che predica amore senza capire che cosa vuol dire amare.
Il prete di Genova, sin dall’inizio, sin dalle prime esperienze in riformatori e carceri, ha sempre voluto dare una speranza a chi era ai margini, dando loro fiducia, responsabilizzandoli e questo credo l’abbia portato avanti sempre come missione di vita; così ha scritto in una lettera pubblicata nel Secolo XIX:

Mai finora ci siamo ritrovati con animo così turbato come oggi. Siamo di fronte, nel nostro bel Paese,  a una caduta senza precedenti dell’etica pubblica e della democrazia. La mia coscienza di uomo e di prete che intende coniugare fede e impegno civile è in difficoltà a prendere la parola. Dov’è la fede? Nelle crociate moralistiche? Dov’è la politica? Nei palazzi? Dove sono i partiti? Sempre più lontani. E’ una vera e propria eutanasia della democrazia, siamo tutti corresponsabili, anche le istituzioni religiose.

Indipendentemente dal pensiero religioso, ci sono persone che meritano di essere conosciute per quello che fanno e don Andrea Gallo è una di queste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.