Col Rean

Sabato 11 settembre, grazie alla sveglia alle 5.40 alle 8.30 sono ad Alleghe; opportunamente consigliato da un’escursionista mi porto ai 1400m di Pian de Pezzè con la cabinovia e da qui comincio la mia fatica.

Il primo obiettivo è il lago del Coldai; la prima parte della salita è molto faticosa e adatta solo a gente con un po’ di allenamento, l’ultima parte invece è su di una gola attraverso facili roccette ma che meritano un po’ di attenzione.
Dopo 1h e 15 e aver superato 700m di dislivello, arrivo ai 2143m del paradisiaco lago del Coldai la cui visione merita decisamente una sosta.
Passato il quarto d’ora di ammirazione mi avvio verso il rifugio Tissi sotto i bastioni delle torri del gruppo della Civetta. La presenza di nevai ghiacciati e di qualche scarica di pietre costringono ad un supplemento di concentrazione ma niente di più. Al Tissi arrivo in 1h e 30 e subito dopo raggiungo i 2281m della cima del Col Rean a ragione considerata uno dei più bei posti panoramici delle Dolomiti.
Al termine della meritata sosta riparto con meta Casera Casamatta: fino alla forcella l’itinerario è agevole ma poi cominciano i 500m di dislivello in picchiata, mai pericolosi ma decisamente faticosi; fatica poi ben ricompensata dalla bellezza del luogo in cui sorge la casera recentemente ristrutturata.
Riparto dopo essermi goduto visione e panorama e in un’oretta sono a Masarè per poi chiudere il periplo con la camminata lungo il lago di Alleghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.