Rugby Championship 2016: gli Springboks battono l’Australia

sudafrica-australia rugby championship 2016L’Australia spreca tanto e a Pretoria gli Springboks tornano alla vittoria nel Rugby Championship 2016

L’Australia può solo biasimare sé stessa se non è riuscita ad espugnare Pretoria, i Wallabies hanno mantenuto il pallino del gioco mancando, però, tante occasioni e venendo letteralmente surclassati in mischia ordinata nel secondo tempo; così gli Springboks, senza fare tantissimo, sono ritornati alla vittoria nel Rugby Championship 2016.

Nel primo quarto d’ora del match il drop di Steyn e il piazzato di Foley hanno fissato il punteggio sul 3 a 3; da un calcio in rimessa laterale sbagliato da Habana, Cooper ha innescato il contrattacco che è culminato con la meta di Sio; Foley ha trasformato il 10 a 3 per i suoi. Saranno gli unici punti australiani del match.
Al 23esimo Hodge ha tentato di piazzare praticamente da casa sua ma il suo tentativo da 65 metri è appena corto; i Sudafricani hanno sventato i tentativi da meta avversari con una buona difesa ma in attacco si sono visti poco, dopo una rara incursione hanno portato a casa il piazzato con cui Steyn ha accorciato sul 6 a 10.
Al 35esimo è arrivato il cartellino giallo a Folau e Steyn ha ulteriormente accorciato dalla piazzola e, prima della fine del primo tempo, ha portato i suoi avanti trasformando il calcio del 12 a 0.
La ripresa è stata molto caotica Hodge ha mancato due piazzati non impossibili nel giro di due minuti a cavallo del 50esimo e poi l’Australia ha cominciato ad accusare enormi difficoltà in mischia ordinata regalando così molti calci di punizione.
I primi punti della ripresa sono arrivati al 75esimo con il calcio di Steyn, lo stesso Steyn ha chiuso poi il match centrando i pali da drop all’ottantesimo minuto.

Marcature per Sud Africa: Piazzati: Steyn 4 Drop: Steyn 2

Marcature per Australia: Meta: Sio Trasformazione: Foley Piazzato: Foley Cartellino Giallo: Folau

Sud Africa: 15 Patrick Lambie, 14 Bryan Habana, 13 Jesse Kriel, 12 Juan de Jongh, 11 Francois Hougaard, 10 Morne Steyn, 9 Rudy Paige, 8 Warren Whiteley, 7 Teboho Mohoje, 6 Francois Louw, 5 Pieter-Steph du Toit, 4 Eben Etzebeth, 3 Vincent Koch, 2 Adriaan Strauss (c), 1 Tendai Mtawarira
A disposizione: 16 Bongi Mbonambi, 17 Stephen Kitshoff, 18 Julian Redelinghuys, 19 Lood de Jager, 20 Willem Alberts, 21 Jaco Kriel, 22 Willie le Roux, 23 Lionel Mapoe

Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Samu Kerevi, 12 Bernard Foley, 11 Reece Hodge, 10 Quade Cooper, 9 Will Genia, 8 Sean McMahon, 7 Michael Hooper, 6 Dean Mumm, 5 Adam Coleman, 4 Rob Simmons, 3 Sekope Kepu, 2 Stephen Moore (c), 1 Scott Sio
A disposizione: 16 James Hanson, 17 James Slipper, 18 Tom Robertson, 19 Kane Douglas, 20 Scott Fardy, 21 Nick Phipps, 22 Tevita Kuridrani, 23 Sefa Naivalu

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.