RWC 2015: troppo forti i Pumas per la Georgia

Pumas rugby World cupLa Georgia resiste 44 minuti poi i  Pumas dilagano

È durata poco più di un tempo la resistenza della Georgia nel match di Rugby World Cup giocato a Gloucester contro i Pumas poi il cartellino a Gorgodze e il talento argentino hanno avuto la meglio.

Parte forte l’Argentina e al sesto mette punti sul tabellone grazie al drop di Sanchez. Al decimo da un buon attacco arriva la metà di Lavanini che dà il vantaggio per 8 a 0 ai suoi.
Al 17esimo Kvirikashvili si guadagna un calcio piazzabile e lo segna, come segna il successivo da quasi 50 metri portando i suoi sotto di due punti.
Sul restare del gioco i Pumas recuperano palla e si guadagnano il calcio che Sanchez sfrutta per rimpinguare il vantaggio.
Al 31esimo la Georgia produce un bell’attacco e si guadagna il terzo calcio che Kvirikashvili manda a bersaglio.
Prima del finire del tempo Sanchez manda tra i pali il suo terzo piazzato e l’Argentina chiude così il primo tempo avanti 14 a 9.
L’inizio della ripresa è decisivo per le sorti del match: Sanchez  prende un gran buco, serve Bosch che arriva a un metro dalla meta, Gorgodze fa un fallo professionale e Doyle gli mostra il cartellino giallo . Non passano che tre minuti e Cubelli è in meta partendo dalla base di una mischia ordinata e sfruttando l’assenza dell’altro i numero 8.
Due minuti più tardi gran belle mani argentine che muovono la palla al largo fino a I hi-fi che vola in meta; Sanchez trasforma il 28 a 9.
Al minuto 52 la gran corsa di Cordero si conclude in mezzo ai pali; la trasformazione di Sanchez è facile e il punteggio lievita fino al 35 a 9.
Sussulto della Georgia al 65esimo, Gorgodze e compagni arrivano fino a pochi centimetri dalla meta ma i Pumas si salvano guadagnando calcio di punizione dalla mischia chiusa.
Si entra negli ultimi dieci minuti di match e i Pumas segnano per ben tre volte: la prima con Landajo, la seconda con una bella corsa di Cordero e l’ultima con Imhoff; Bosch mette due trasformazioni e sigilla così il 54 a 9 finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.