La Francia la spunta nel finale con l’Inghilterra

philippe saint andréÈ stata una battaglia dall’inizio alla fine, i ritmi sono stati forsennati, i colpi durissimi, alla fine l’ha risolta una meta di Gael Fickou che, al 77esimo, regala un insperato successo alla Francia contro l’Inghilterra nella prima giornata del Sei Nazioni 2014.

Pronti via, i Translapini recuperano il calcio d’avvio, palla fuori che giunge a Plisson, grubber maligno che finisce nella mani di Huget e l’ala schiaccia in meta; sono passati 30 secondi!
Che la battaglia abbia inizio: gli Inglesi accelerano di brutto, imbastiscono 13 fasi e guadagnano un calcio piazzabile, Farrell manda a bersaglio il 5 a 3.
Il match è frenetico, non ci sono pause, la Francia è in attacco e al decimo Dussain sfrutta un calcio di punizione per mandare a bersaglio il penalty del 8 a 3.
Al 18esimo la Francia recupera palla, l’ovale finisce nelle mani di Huget che quasi deborda Goode, ricicla all’interno per Dulin che si inventa un calcetto maligno che sorprende Nowell e Goode ma non Huget che lo recupera e segna la seconda meta personale che vale il 13 a 3.
Al 22esimo si gioca la prima mischia ordinata del match, Owens vede il fallo di Cole, calcio di punizione e Dussain fa 16 a 3.
Le due squadre ci provano alternativamente ma le difese reggono fino al 38esimo in cui gli attacchi inglesi hanno finalmente successo: Nianga spende un fallo, Care gioca velocemente il calcio di punizione, raggruppamento, palla fuori a Brown che si libera di Huget e schiaccia in meta; il punteggio si muove ed è 16 a 8.
L’ultima azione del primo tempo è ancora di marca inglese ma Farrell non manda a bersaglio il tentativo di drop.

La ripresa la iniziano meglio gli Inglesi e il protagonista è ancora Mike Brown che mostra le sue grandi qualità; l’Inghilterra  guadagna un calcio piazzato e Farrell accorcia sul 16 a 11.
Al 48esimo, Plisson prova ad andare all’intercetto ma provoca un buco enorme su cui si infila Billy Vunipola che non deve far altro che fissare l’ultimo difensore e liberare Luther Burrell che vola in mezzo ai pali; Farrell mette la facile trasformazione e per la prima volta è sorpasso: 18 a 16.
Gli ospiti prendono il sopravvento e monopolizzano gli attacchi, la Francia barcolla ma non cede, Care comunque, al 57esimo, manda a bersaglio il drop del 21 a 16.
Si entra negli ultimi 10 minuti di match con Machenaud e Farrell che trasformano un piazzato per parte per il 24 a 19.
Quando sembra tutto finito, con il pallino del match in mano agli Inglesi, la Francia si inventa l’azione che culmina con la meta in mezzo ai pali di Gael Fickou, la trasformazione di Machenaud ed è vittoria per i Transalpini col punteggio di 26 a 24.

Marcature per FranciaMete: Huget 2, Fickou Trasformazioni: Machenaud Piazzati: Doussain 2, Machenaud

Marcature per InghilterraMete: Brown, Burrell Trasformazione: Farrell Piazzati: Farrell 2, Goode Drop: Care

Francia: 15 Brice Dulin, 14 Yoann Huget, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Wesley Fofana, 11 Maxime Médard, 10 Jules Plisson, 9 Jean-Marc Doussain, 8 Louis Picamoles, 7 Bernard Le Roux, 6 Yannick Nyanga, 5 Pascal Papé (c), 4 Alexandre Flanquart, 3 Nicolas Mas, 2 Benjamin Kayser, 1 Thomas Domingo
A disposizione: 16 Dimitri Szarzewski, 17 Yannick Forestier, 18 Rabah Slimani, 19 Yoann Maestri, 20 Antoine Burban, 21 Damien Chouly, 22 Maxime Machenaud, 23 Gael Fickou

Inghilterra: 15 Mike Brown, 14 Jack Nowell, 13 Luther Burrell, 12 Billy Twelvetrees, 11 Jonny May, 10 Owen Farrell, 9 Danny Care, 8 Billy Vunipola, 7 Chris Robshaw (c), 6 Tom Wood, 5 Courtney Lawes, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley, 1 Joe Marler
A disposizione: 16 Tom Youngs, 17 Mako Vunipola, 18 Henry Thomas, 19 Dave Attwood, 20 Ben Morgan, 21 Lee Dickson, 22 Brad Barritt, 23 Alex Goode

One thought on “La Francia la spunta nel finale con l’Inghilterra”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.