È record per gli All Blacks….o quasi

lienert-brown bledisloe cupGli All Blacks vincono il 18esimo test match consecutivo: ad Auckland l’Australia è ancora battuta

Non è stato certo un bel test match ma il terzo incontro valevole per la Bledisloe Cup 2016 ha fatto registrare la 18esima vittoria consecutiva degli All Blacks che sarebbe record se non fosse che Cipro, fra il 2008 e il 2012, di test match consecutivi ne ha vinti 24. Cipro a parte, questi All Blacks hanno dimostrato ancora una volta di non avere rivali: anche in un giorno in cui hanno avuto qualche sbavatura, in cui Barrett non ha girato, hanno trovato lo stesso il modo di rifilare quasi 40 punti ad un’Australia che ha pagato carissimo gli errori, imbarazzanti quelli di Foley dalla piazzola e i placcaggi lisciati da Speight.

Al quarto minuto comincia la brutta giornata di Foley che manca un incredibile piazzato da in mezzo ai pali appena fuori dei 22 e allora, alla prima azione con palla in mano dei Neozelandesi, Dagg va in meta favorito dal buco di Lienert-Brown prima e di Ben Smith poi.
Al decimo Speight va a farfalle in difesa in prima fase e Lienert-Brown corre indisturbato in meta; Barrett, anche per lui non la miglior serata, manca una trasformazione non impossibile.
I primi punti Wallabies arrivano al 29esimo al termine di un multifase avanzante culminato con la corsa di Arnold che si allunga fino in meta; Foley trasforma e accorcia sul 10 a 7.
In occasione della meta Owens redarguisce Read reo di un fallo ad azione terminata e concede un calcio alla ripresa del gioco all’Australia, Hodge ci prova da metà campo ma non è preciso.
Il primo tempo si conclude con l’erroraccio di Haylett-Petty che si fa stoppare il calcio di liberazione da Perenara che schiaccia in meta da solo; Barrett manca la terza trasformazione consecutiva e si va al riposo sul 15 a 7.
La ripresa si apre col piazzato di Foley; Foley è protagonista anche pochi minuti più tardi in cui serve l’assist per la meta di Speight che però viene annullata dal TMO per un taglia fuori inutile di Haylett-Petty su Savea.
Sempre Foley è protagonista al 52esimo, stavolta in negativo, riuscendo a centrare il palo in occasione di un non difficile piazzato.
Non segnano gli Australiani e allora segnano i Neozelandesi: prima segna Savea millimetricamente imbeccato dal grubber di Ben Smith, poi segna dalla piazzola Cruden e poi va in meta nuovamente Savea – sono 45 mete in 49 test match – che se ne va a Speight e Frisby lungo la touch. In un quarto d’ora ci si ritrova 32 a 10 e il match è bell’e che finito.
L’ultimo emozione la regala Dan Coles che al 70esimo trova il fiato per recuperare Mumm dentro i propri 22 e di dare, poi, un sostegno a Savea dall’altra parte del campo che lo porta a segnare la meta finale del 37 a 10.

Highlights del match All Blacks-Australia

Marcature per Nuova Zelanda: Mete: Dagg 2, Lienert-Brown, Savea 2, Coles Trasformazioni: Cruden 2 Piazzato: Cruden

Marcature per Australia: Meta: Arnold Trasformazione: Foley Piazzato: Foley

All Blacks: 15 Ben Smith, 14 Israel Dagg, 13 Anton Lienert-Brown, 12 Ryan Crotty, 11 Julian Savea, 10 Beauden Barrett, 9 TJ Perenara, 8 Kieran Read (c), 7 Matt Todd, 6 Jerome Kaino, 5 Samuel Whitelock, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Dane Coles, 1 Joe Moody
A disposizione: 16 Codie Taylor, 17 Wyatt Crockett, 18 Charlie Faumuina, 19 Liam Squire, 20 Ardie Savea, 21 Tawera Kerr-Barlow, 22 Aaron Cruden, 23 Malakai Fekitoa

Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Samu Kerevi, 12 Reece Hodge, 11 Henry Speight, 10 Bernard Foley, 9 Nick Phipps, 8 Lopeti Timani, 7 Michael Hooper, 6 Dean Mumm, 5 Adam Coleman, 4 Rory Arnold, 3 Sekope Kepu, 2 Stephen Moore (c), 1 Scott Sio
A disposizione: 16 James Hanson, 17 Tom Robertson, 18 Allan Ala’alatoa, 19 Rob Simmons, 20 David Pocock, 21 Nick Frisby, 22 Quade Cooper, 23 Sefa Naivalu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.