Gli Springboks chiudono terzi la Rugby World Cup 2015

Grazie ad una grande difesa gli Springboks battono i Pumas e conquistano il terzo posto alla Rugby world Cup 2015

È stata una partita bella a tratti, alla fine l’hanno vinta meritatamente gli Springboks che, grazie ad una insuperabile difesa, hanno battuto i Pumas 24 a 13 nella finale 3°-4° posto giocata all’Olimpico di Londra.

Pronti via e Cubelli si becca il cartellino giallo per aver fermato Pienaar che gioca veloce un calcio di punizione; un minuto dopo gli Springboks vanno in meta con Pietersen che riceve un passaggio al largo e si tuffa in bandierina, Pollard mette una gran trasformazione dall’angolo ed è 7 a 0 Sud Africa.
Al decimo un’altra bella azione sudafricana, con un cambio di fronte e un calcetto di Le Roux, manda Habana vicinissimo alla meta ma l’ala è anticipato da Amorosino che annulla.
Al 14esimo Pollard mette il calcio del 10 a 0 e al 25esimo Cubelli è protagonista di uno dei rari buchi presi tra le maglie della difesa sudafricana, la sua corsa, però, arriva a cinque metri dalla linea di meta e poi l’azione sfuma.
Tre minuti dopo è Pollard a far breccia nella difesa Pumas ma il suo passaggio fuori non è controllato da Habana; prima dello scadere dei primi 40 minuti Pollard mette due ulteriori calci di punizione che fissano il risultato del primo tempo sul 16 a 0.
La ripresa si apre col drop di Sanchez ma, sulla ripresa del gioco, Louw ruba l’ennesimo pallone del suo match, la palla finisce fuori a Etzebeth che schiaccia in bandierina.
Il match perde di brillantezza, i Pumas ci provano anche ma la difesa Springboks è invalicabile; si segna solo dalla piazzola, prima con Pollard e poi con Sanchez.
Nel finale arriva una piccola soddisfazione per gli Argentini che riescono a trovare la meta con Orlandi, Sanchez trasforma il definitivo 24 a 13.

Marcature per Argentina:
Meta: 
Orlandi
Trasformazione: Sánchez
Piazzato: Sánchez
Drop: Sánchez
Cartellino giallo: Cubelli

Marcature per Sud Africa:
Mete: 
Pietersen, Etzebeth
Trasformazione: Pollard
Piazzati: Pollard 4

Argentina: 15 Lucas Gonzalez Amorosino, 14 Santiago Cordero, 13 Matias Moroni, 12 Jeronimo De La Fuente, 11 Horacio Agulla, 10 Nicolás Sánchez (c), 9 Tomas Cubelli, 8 Juan Manuel Leguizamon, 7 Juan Martin Fernandez Lobbe, 6 Javier Ortega Desio, 5 Tomas Lavanini, 4 Matias Alemanno, 3 Ramiro Herrera, 2 Julian Montoya, 1 Juan Figallo.
A disposizione: 16 Lucas Noguera, 17 Juan Pablo Orlandi, 18 Santiago Garcia Botta, 19 Guido Petti, 20 Facundo Isa, 21 Martin Landajo, 22 Santiago Gonzalez Iglesias, 23 Juan Pablo Socino.

Sud Africa: 15 Willie le Roux, 14 JP Pietersen, 13 Jesse Kriel, 12 Damian de Allende, 11 Bryan Habana, 10 Handre Pollard, 9 Ruan Pienaar, 8 Duane Vermeulen, 7 Schalk Burger, 6 Francois Louw, 5 Victor Matfield (c), 4 Eben Etzebeth, 3 Frans Malherbe, 2 Bismarck du Plessis, 1 Tendai Mtawarira.
A disposizione: 16 Adriaan Strauss, 17 Trevor Nyakane, 18 Jannie du Plessis, 19 Lodewyk de Jager, 20 Willem Alberts, 21 Rudy Paige, 22 Pat Lambie, 23 Jan Serfontein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *