Rugby Championship 2016: l’Australia la spunta sull’Argentina

pumas tuculetA Twickenham l’Australia batte l’Argentina in un match del Rugby Championship 2016

Nella cornice insolita di Twickenahm, di fronte a 48000 spettatori, è andato in scena il match di Rugby Championship 2016 tra Australia e Argentina; alla fine l’han spuntata gli Australiani che hanno sfruttato gli errori dei Pumas e che non hanno pagato dazio per i tanti calci di punizione concessi.

L’inizio di match è caotico, tanti errori, ma sono i Pumas ad andare vicini alla meta, meta che non viene concessa per un evidente fuorigioco di Iglesias; così in meta ci vanno gli Aussie grazie ad un’azione iniziata col buco di Haylett-Petty, Coleman, poi, è bravo a farsi alzare l’ovale e a trovare la meta; Foley trasforma il 7 a 0.
C’è una sola squadra in attacco ed è l’Australia che porta a casa punti dalla piazzola con Foley al minuto 11; chi sbaglia e tanto ad inizio di match dalla piazzola è Iglesias, protagonista di uno 0 su 3 e 8 punti lasciati.
Al 17esimo il secondo placcaggio alto consecutivo costa il cartellino giallo a Hooper e a suon di cariche, quattro minuti più tardi, i Pumas si sbloccano segnando la meta con Alemanno.
Foley mette il piazzato del 13 a 5 al 27esimo ma al 31esimo l’Argentina ritorna di nuovo in superiorità numerica in virtù del cartellino giallo a Coleman arrivato al termine di un’azione partita da un rinvio veloce dai 22 che aveva preso nel sonno la difesa Aussie.
Nonostante l’inferiorità numerica l’Australia riesce a segnare la meta con Kerevi che ha una conformazione fisica che lo rende molto difficile da placcare soprattutto se lanciato a 5 metri dalla meta.
Gli Australiani continuano a concedere un numero infinito di calci e da uno di questi, finalmente, arrivano i primi punti per Iglesias che mandano così i suoi al riposo sotto 18 a 8.
L’Australia si distrae facilmente e da un calcio giocato facilmente da Landajo arriva la meta di De la Fuente; Iglesias trasforma il 15 a 18.
Al 50esimo, da un errore Pumas, arriva il recupero di Hooper che ricicla per Kerevi che corre fino in meta; Foley trasforma il 15 a 25.
Al 55esimo Iglesias riporta i suoi sottobreak col piazzato del 18 a 28 e i Pumas vanno vicinissimi alla meta con Creevy al 64esimo ma la mancano; l’Argentina i punti li trova al 68esimo, da calcio di punizione regalato da un Phipps che non trova di meglio che spingere il medico avversario, a gioco fermo.
Il finale è acceso ma viene spento dall’errore dell’Argentina che muove male un pallone e si fa intercettare da Mumm che segna la meta che chiude il match.

Marcature per Argentina: Mete: Alemanno, De la Fuente Trasformazioni: Iglesias Piazzati: Iglesias 3

Marcature per Australia: Mete: Coleman, Kerevi 2, Mumm Trasformazioni: Foley 2 Piazzati: Foley 3
Cartellini gialli: Hooper (16 mins – high tackle), Coleman (30 mins – high tackle)

Argentina: 15 Joaquín Tuculet, 14 Matías Moroni, 13 Matías Orlando, 12 Jerónimo De la Fuente, 11 Ramiro Moyano, 10 Santiago González Iglesias, 9 Martín Landajo, 8 Leonardo Senatore, 7 Javier Ortega Desio, 6 Pablo Matera, 5 Matías Alemanno, 4 Guido Petti, 3 Ramiro Herrera, 2 Agustín Creevy, 1 Lucas Noguera
A disposizione: 16 Julian Montoya, 17 Santiago García Botta, 18 Enrique Pieretto, 19 Marcos Kremer, 20 Juan Manuel Leguizamon, 21 Tomás Cubelli, 22 Gabriel Ascarate, 23 Lucas González Amorosino

Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Samu Kerevi, 12 Bernard Foley, 11 Reece Hodge, 10 Quade Cooper, 9 Will Genia, 8 Lopeti Timani, 7 Michael Hooper, 6 Dean Mumm, 5 Adam Coleman, 4 Rory Arnold, 3 Sekope Kepu, 2 Stephen Moore (c), 1 Scott Sio
A disposizione: 16 James Hanson, 17 Tom Robertson, 18 Allan Alaalatoa, 19 Kane Douglas, 20 Scott Fardy, 21 Leroy Houston, 22 Nick Phipps, 23 Tevita Kuridrani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.