Le 5 migliori cose del quarto turno di Sei Nazioni 2015

nazionale femminile rugbyIl quarto turno di Sei Nazioni 2015 è stato interessante a metà: ho cercato di trovare i 5 aspetti migliori del weekend

1) Grande Galles
Nel match vinto con l’Irlanda Warburton e compagni hanno messo assieme 250 placcaggi, 92% dei quali completati, 52 placcaggi sono venuti dalle seconde linee (31 di Charteris e 21 di Al Wyn Jones); un  grande Galles ha costruito la vittoria contro l’Irlanda soprattutto in difesa.

2) La sicurezza invidiabile dei giovani inglesi
Jack Nowell classe 1993; è toccato a lui accendere la luce di una Inghilterra che per 40 minuti ha subito la spregiudicatezza della Scozia; per la giovane ala inglese ci sono a referto 185 metri guadagnati portando 16 palloni, 8 difensori battuti e una meta. Son numeri da predestinato.

3) Paul O’Connell è un highlander
100 caps con la maglia Irlandese, 19 palloni portati, come sempre è l’ultimo ad arrendersi di un’Irlanda irretita dalla grande difesa gallese.

4) Stringiamoci a coorte
È doveroso tributare i giusti elogi alla nazionale femminile che è riuscita a battere la Francia giocando una gran partita sia in difesa che in attacco; brave dunque a loro, all’allenatore Andrea di Giandomenico e al suo staff.
Capitolo maschile: il nostro livello è basso e bisogna imparare a convivere con questa realtà, le reazioni alla nostra sconfitta mi son sembrate fin troppo esagerate; certo abbiamo giocato una partita mediocre, ci siamo al solito incazzati con questo e quello che non hanno fatto il loro dovere, ma, signori, il problema è il nostro alto livello che è tutto fuorchè alto.
Detto ciò ci resta una partita da giocare, ci resta un impegno da onorare e sarà un impegno durissimo perchè la prospettiva di prendere 40 punti non è così remota visto ciò che è successo nell’ultimo weekend. E allora che si fa? Si fa che si prova a seguire l’esempio di gente come Francesco Minto che non sarà il giocatore più forte di questa terra, che non sarà il giocatore più appariscente, ma è uno che ci mette sempre la faccia che dà l’anima facendo il lavoro che di solito non vuol fare nessuno: 16 placcaggi anche domenica – è il nostro primo placcatore – e sempre lì a sporcare e rallentare ogni attacco avversario.

5) I migliori del weekend
15 Leigh Halfpenny
14 Tommy Bowe
13 Jonathan Joseph
12 Jamie Roberts
11 Jack Nowell
10 George Ford
9 Ben Youngs
8 Billy Vunipola
7 Sam Warburton
6 Thierry Dusautoir
5 Paul O’Connell
4 Luke Charteris
3 Nicolas Mas
2 Scott Baldwin
1 Gethin Jenkins

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.