Test match Novembre 2010: Scozia-AllBlacks

Murrayfield, 13 Novembre, la Scozia gioca per porre fine alla tradizione che la vuole perdente al cospetto degli All Blacks da 105 anni, i Neozelandesi giocano per proseguire lungo la strada del grande slam.

Passano 3 minuti e Parks porta in vantaggio i padroni di casa col piazzato del 3-0. Non passano neanche 6 minuti e i tutti neri sono in meta: Cowan parte dalla base di una mischia e lancia all’altezza Sonny Bill Williams, offload per l’accorrente Gear e meta in mezzo ai pali, Carter trasforma.
Minuto 11, gli All Blacks sfruttano la superiorità al largo e Carter va in meta, sarà lui stesso a trasformare il 3 a 14.
Gli Scozzesi ci provano ma gli avversari difendono troppo bene e concedono poco e niente.
Minuto 18, azione insistita degli ospiti dal lato chiuso e la combinazione Messam, Carter, Muliaina libera l’estremo dei Chiefs che arriva in mezzo ai pali, Carter trasforma.
Prime notizie al 25esimo di un buon attacco dei padroni di casa che riescono a rubare una touch ma si fanno scippare la palla poco dopo.
Prima della mezzora si registra la quarta meta neozelandese grazie a Gear, Carter trasforma il 3 a 28.
Nel secondo tempo la musica non cambia e al 48esimo Muliaina segna la sua 31esima meta in 91 test grazie anche all’assist di Sonny Bill, Carter non sbaglia la trasformazione neanche dall’angolo.
Si entra nell’ultimo quarto di partita e gli All Blacks segnano ancora con Smith che sfrutta il recupero di Messam, Donald ci aggiunge anche la trasformazione.
Prima della fine c’è tempo anche per la settima meta di Ellis che sfrutta il buco di Donald che trasforma il definitivo 3-49.
La Scozia, consapevole dei propri limiti, prova ad attuare il piano di giocare qualsiasi palla, purtroppo davanti trova dei Neozelandesi poco inclini a concedere spazi. Gli All Blacks invece  praticano un rugby semplice ma maledettamente ben fatto e non a caso nella prima mezzora fanno un punto al minuto; buone notizie da Sonny Bill Williams che all’inside center gioca un’ottima partita che gli vale anche il titolo di man of the match.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.